• COMUNICAZIONE -"Reverse Charge (inversione contabile)": al Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno, non essendo titolare di partita IVA, non si applica l'inversione contabile Reverse Charge la quale opera solo quando entrambi gli attori delle transazioni sono soggetti IVA.

 

  • COMUNICAZIONE -"Fatturazione elettronica per le Pubbliche Amministrazioni, art. 25 DL 66/2014": in merito alla fatturazione elettronica per le pubbliche amministrazioni di cui all'art. 25 del D.L. n. 66/2014 si comunica che tale obbligo permane nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni intese come gli enti e i soggetti indicati a fini statistici nell'elenco pubblicato annualmente dall'ISTAT sulla base delle definizioni dei regolamenti dell'Unione Europea, le Autorità indipendenti e comunque le amministrazioni soggette al regime del pubblico impiego (art. 1, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001). Si specifica che i Consorzi di Bonifica, come categoria, non rientrano in tale elenco. Peraltro, in relazione all'analogo elenco formato dall'ISTAT a partire dal 2003 sempre con riferimento alle definizioni del Regolamento SEC 95, il Ministero dell'Economia e delle Finanze nella circolare n. 26584 del 17/2/2006 ha sostenuto che gli enti di bonifica e di irrigazione non rientrano tra le amministrazioni pubbliche. Perciò risulta chiaro che, allo stato attuale, i Consorzi di Bonifica che non siano individualmente compresi nel predetto elenco ISTAT rimangono estranei al sistema di contabilità pubblica e quindi anche agli obblighi della fatturazione elettronica connessi ai termini già decorsi e futuri.

 

  • COMUNICAZIONE -"IVA Split Payment (scissione dei pagamenti), DL 148/2017 convertito con L 172/2017 ": si informano i Sigg.ri Fornitori del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno che il D.L.16 ottobre 2017 n.148 ha esteso il meccanismo di assolvimento dell'IVA, chiamato “split payment” o “scissione dei pagamenti”, per le fatture emesse dal 1 gennaio 2018, agli enti pubblici economici nazionali, regionali e locali tra i quali rientrano i Consorzi di Bonifica. Da tale data, quindi, il Consorzio è tenuto a versare direttamente all’Erario l'IVA che è stata addebitata dai fornitori, pagando a quest'ultimi solo la quota imponibile (e le altre somme diverse dall'IVA). A tal proposito, si precisa quanto segue:
    • per le fatture 2017, anche se pagate nel 2018,al fornitore verrà erogato l’intero importo comprensivo dell’IVA
    • per le fatture emesse dal 01.01.2018, il fornitore dovrà integrare le normali indicazioni fiscali (imponibile, IVA) con l’annotazione esplicita “scissione dei pagamenti”; per tali fatture il fornitore non è più tenuto al pagamento dell’imposta trattandosi ora di adempimento di pertinenza del Consorzio.

    Si ricorda che la norma non riguarda:
    • le fatture emesse antecedentemente al 1 gennaio 2018, anche se non ancora pagate;
    • le operazioni in cui l'ente cessionario o committente assume la veste di debitore dell'IVA quali, ad esempio, quelle sottoposte al regime dell'inversione contabile (c.d.
    “reverse charge”) di cui all’art. 17 del D.P.R. 633/1972;
    • le operazioni certificate mediante rilascio di ricevuta fiscale, non fiscale (per i soggetti che si avvalgono della trasmissione telematica dei corrispettivi) ovvero altre modalità semplificate specificatamente previste dalle vigenti disposizioni.

    Si riportano di seguito i principali riferimenti normativi ed un fac-simile di fattura, evidenziando che la presente informativa intende unicamente fornire un orientamento generale certamente non esaustivo dell’intero complesso normativo.

    Fac-simile di fattura
    GAMMA SRL Spett.le CONSORZIO DI BONIFICA 3 MEDIO VALDARNO
    Fattura n. XX del XX.XX.2018
     
    Imponibile € 10.000,00
    IVA 22% € 2.200,00
    Totale fattura € 12.200,00
    IVA a Vs. carico ex art. 17-ter, D.P.R. 633/1972 € 2.200,00 -
    Netto da pagare € 10.000,00
     
    Operazione con “scissione dei pagamenti” D.L. n.148 del 16 .10.2017 convertito con L. 172 del 4/12/2017