Il Consorzio di bonifica adotta le iniziative necessarie ad assicurare il migliore aggiornamento dei propri archivi. Gli atti di riscossione inviati ai consorziati riportano i parametri utilizzati per la determinazione del contributo ed i dati degli immobili a cui lo stesso è riferito. E' consigliabile utilizzare tali dati per verificare preventivamente la congruenza della propria posizione contributiva.

Per la rettifica di errori riguardanti l'intestazione dei contributi richiesti o l'entità degli immobili su cui gli stessi sono calcolati, il Consorzio si attiva, emettendo d'ufficio gli eventuali provvedimenti di sgravio, a seguito di semplice richiesta dell'interessato, senza la necessità di un ricorso formale.

Per ottenere la risposta al proprio problema è pertanto sufficiente che l'interessato si rivolga al Consorzio mediante uno qualsiasi dei servizi di informazione e assistenza ai contribuenti indicati sugli atti di riscossione e sulle pagine di questo sito.

Gli operatori hanno il compito di informare ed assistere i consorziati nei loro rapporti con il consorzio. Eventuale documentazione a supporto della pratica sarà richiesta solo se strettamente necessaria.

Nel caso dovesse insorgere un contenzioso, o che comunque il consorziato ritenga utile presentare una istanza formale, si indicano di seguito termini e modalità di impugnativa degli atti per la riscossione dei contributi imposti dal Consorzio:

  • RICORSI CONCERNENTI L'ISCRIZIONE A RUOLO:

- NORMATIVA: Art. 112 del R.D. n. 368 del 08.05.1904 - DPR n. 1199 del 24.11.1971;
- ORGANO cui proporre ricorso: Presidente del Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno;
- TERMINE: entro 30 giorni dalla data della notificazione o della comunicazione in via amministrativa dell'atto impugnato e da quando l'interessato ne abbia avuto piena conoscenza.
N.B. - Il ricorso non sospende né l'esecutività del ruolo né il termine per proporre ricorso in via giudiziaria.

  • RICORSI CONCERNENTI LA LEGITTIMITA' E LA FONDATEZZA DELLA PRETESA CONTRIBUTIVA:

- NORMATIVA: D. Lgs. n. 546 del 31.12.1992;
- ORGANO cui proporre ricorso: Commissione Tributaria Provinciale;
- TERMINE: entro 60 giorni dalla notifica dell'atto impugnato.

Per le controversie di valore fino a 20.000,00 Euro trova applicazione l’istituto del “Reclamo/Mediazione” di cui all’art.17 bis, D.lgs n.546/1992.

N.B. Può essere richiesta la sospensione dell'esecutività del ruolo.

  • RICORSI AVVERSO GLI ATTI AMMINISTRATIVI IN APPLICAZIONE DEI QUALI E' DETERMINATO IL CONTRIBUTO

- NORMATIVA: D. Lgs. n. 104 del 02.07.2010;
- ORGANO cui proporre ricorso: Tribunale Amministrativo Regionale;
- TERMINE: entro 60 giorni dalla pubblicazione dell'atto impugnato.
N.B. Può essere richiesta la sospensione dell'esecutività del ruolo.

Per la correzione di errori materiali occorsi nell'identificazione del contribuente, nell'individuazione del relativo patrimonio immobiliare o nel calcolo del contributo, il consorziato può inoltrareal Consorzio una semplice richiesta, adeguatamente motivata.

E' indispensabile che la richiesta contenga i dati identificativi del contribuente e il numero dell'avviso di riferimento, oltre ad un recapito del mittente.

Il Consorzio procederà all'annullamento d'ufficio ai sensi dell'art. 21 nonies della L. 241/1990.

N.B. - La richiesta non sospende né l'esecutività del ruolo né i termini per proporre ricorso in via giudiziaria.