Le attività del Consorzio sono programmate nel "Piano delle Attività di Bonifica", istituito dall'art. 26 della L.R. n. 79/2012, che definisce:
a) le attività di manutenzione ordinaria del reticolo di gestione e delle opere di bonifica, nonché delle opere idrauliche di terza, quarta e quinta categoria;
b) le attività di manutenzione straordinaria delle opere di bonifica;
c) le attività di esercizio e vigilanza sulle opere di bonifica;
d) le attività, a supporto delle province, di manutenzione ordinaria delle opere idrauliche di seconda categoria;
e) le nuove opere pubbliche di bonifica e le nuove opere idrauliche di quarta e quinta categoria da realizzare nell'anno di riferimento;
f) le attività di manutenzione straordinaria delle opere idrauliche di terza, quarta e quinta categoria.

Al fine dell'approvazione del Piano delle Attività di Bonifica, ai sensi dell'art. 25 della LR 79/2012, il Consorzio di Bonifica approva ed invia alla Giunta Regionale, entro il 30 settembre di ciascun anno, la proposta concernente le opere e le attività da realizzare nell'anno successivo, con l'indicazione delle relative priorità e delle risorse consortili da destinare alle medesime, ove dovute.

Qui è possibile consultare per ciascun anno i Piani Attività di Bonifica.

Sulla base di requisiti di urgenza e cantierabilità, indicati anche mediante i piani delle attività di bonifica di ciascun consorzio della regione, ai sensi della LR 79/2012 e della LR 80/2015, la Giunta Regionale approva ogni anno il "Documento Operativo per la Difesa del Suolo" (già "Documento Annuale per la Difesa del Suolo"), con il quale vengono selezionati e programmati gli interventi di difesa del suolo da realizzare in Toscana.

Il Documento Operativo per la Difesa del Suolo è disponibile sul sito della Regione Toscana nella sezione dedicata alla Difesa del Suolo.